Caricamento Eventi

LA GRANDE ARTE AL MAC!

MERCOLEDI’ 26 SETTEMBRE

proiezione unica ore 21.00

DURATA: 90 min.

‘Firenze e gli Uffizi’ è un viaggio multidimensionale e multisensoriale nel Rinascimento Fiorentino attraverso le sue bellezze più rappresentative.

A parlare sono le opere stesse, oltre 10 location museali e 150 opere di cui il fulcro centrale è naturalmente rappresentato dalla Galleria degli Uffizi.

Gli spettatori saranno coinvolti da una visione con punti di vista inediti, come la Cupola del Brunelleschi e Piazza della Signoria ripresa all’alba, deserta, in tutta la sua magnificenza, e spettacolari immagini aeree della città, realizzate grazie all’utilizzo di un elicottero e un drone.

La narrazione emotiva, ambientata all’interno di un limbo atemporale, è affidata a Simon Merrells (attore inglese di formazione teatrale noto al pubblico per l’interpretazione di Crasso nella serie tv Spartacus) che, nel ruolo di Lorenzo il Magnifico, ci condurrà attraverso i ricordi della ‘sua’ Firenze, in un incessante dialogo tra passato e presente.

 

Il film attraversa i luoghi simbolo di Firenze dalla Cappella Brancacci (con gli affreschi di Masolino e Masaccio, emblema del passaggio da Medioevo a Rinascimento) al Museo del Bargello che ospita il David di Donatello; da S. Maria del Fiore con le sue sfavillanti vetrate a Palazzo Medici; da Piazza della Signoria a Palazzo Vecchio sino alla Galleria dell’Accademia, che custodisce il David di Michelangelo. Cuore del film è naturalmente la Galleria degli Uffizi: gli spettatori potranno accedere all’interno della Tribuna (luogo visibile al pubblico solo da tre punti esterni) e Antonio Natali (direttore della Galleria dal 2006 al 2015) ci accompagnerà tra le opere.

 

Prima della proiezione Valentina Arena ci presenterà il progetto di cui è ideatrice e regista:

Gioco di ruolo

film partecipato

 

“Gioco di Ruolo è un film, in parte documentario, in parte di finzione. Racconta il processo di creazione di due personaggi tramite il lavoro di scrittura collettiva di un gruppo eterogeneo di persone, coinvolte grazie ad un percorso di arte partecipata che abbiamo proposto a Modena a partire da febbraio 2018. Abbiamo bisogno di voi per organizzare nuove riprese, e ultimare così il lavoro necessario per cominciare il montaggio del film. Vogliamo creare un’opera video in cui la distinzione tra cinema del reale e cinema di finzione perda di senso, perché nel definire i personaggi e le situazioni di finzione abbiamo messo in gioco le nostre vite reali e la nostra sensibilità. Quello che emerge dall’opera è una riflessione sul nostro immaginario collettivo, sugli automatismi culturali che guidano le nostre scelte e che formano i nostri stereotipi. Ma soprattutto emerge la profonda e contraddittoria complessità delle persone reali, che sempre e comunque supera la nostra immaginazione.”

 

Il progetto si trova già sulla piattaforma ideginger.it